Orlandina, una notte di festa per i playoff | Orlandina Basket
  • Pubblicato il: 9 maggio 2017

Orlandina, una notte di festa per i playoff

Giuseppe Lazzaro – Gazzetta del Sud

CAPO D’ORLANDO – Una notte di festa. L’ennesimo miracolo sportivo della “piccola” Capo d’Orlando si è materializzato nell’entusiasmo collettivo, uguale a scene già vissute. Per la seconda volta nella storia, nove anni dopo (allora fu sesto posto ma su 34 giornate), l’Orlandina entra tra le 8 più belle d’Italia e, da venerdì, giocherà i playoff. Dopo la partita contro Pesaro e le scene di giubilo il punto di incontro è stato “La Saletta”, che vede tra i titolari l’assessore al Turismo e allo Sport Rosario Milone. «Sono tifoso da sempre – ha detto il componente della giunta – e vivere queste emozioni da assessore è una enorme soddisfazione. Capo nei playoff è anche un ritorno di immagine importante e un indotto economico non indifferente per la nostra cittadina». Presenti tutti i giocatori, anzi, qualcuno si è dovuto dividere in più tavoli. Quando è arrivato il patron Enzo Sindoni abbracci per tutti, standing ovation all’ingresso di Gennaro Di Carlo, che si è commosso: «L’affetto, la gratitudine, l’amore di questa gente per l’Orlandina – ha detto il coach biancazzurro – testimoniano l’importanza che ormai ci siamo ritagliati nel panorama cestistico nazionale. Un popolo intero, con la passione e l’entusiasmo, ci ha spinto verso questo grande traguardo e sottolineo che è stato bellissimo il tifo prima e durante la partita. Dedichiamo ai tifosi questo traguardo, adesso penseremo a giocare le nostre partite». L’Orlandina ha chiuso la stagione regolare con 30 punti, frutto di 15 vittorie (11 interne e 4 esterne) e 15 sconfitte (11 esterne e 4 interne). Si tratta del miglior ruolino dei sei anni in Serie A subito dopo la stagione 2007/08 che si chiuse con 38 punti (ma con quattro gare in più) ed il sesto posto. I punti realizzati sono stati 2.291 (media 76.3) che è il quindicesimo attacco ma subendone 2.315 (media 77.1) che è risultata la quinta difesa. Il match con Pesaro (sfatato il tabù di non averla mai battuta) ha regalato altri primati: record stagionale di assist in una partita in tutto il campionato, 31 in totale, che superano i 30 che aveva realizzato Milano contro Cremona alla quinta giornata. Record personale in campionato per Antonio lannuzzi che ha realizzato 24 punti in 21′ con l’aggiunta della sua miglior valutazione in carriera (28) e 11 tiri da due realizzati sono la miglior prestazione per un giocatore italiano in questo campionato e la quarta in assoluto. Solo Peric (13), Fesenko (13) e Czyz (12) hanno fatto meglio in questa stagione. Iannuzzi detiene anche il record per il miglior rapporto punti/minuti del campionato per la Betaland. Con i 17 punti in 19′ realizzati alla settima giornata contro Cremona aveva fatto registrare 1.12 punti al minuto e il record per un giocatore di Capo d’Orlando. Il lungo irpino domenica ha ritoccato il record grazie a 1.14 punti al minuto. Per l’immenso Drake Diener eguagliato il record stagionale: 21 punti erano stati realizzati anche alla sedicesima giornata contro Milano e alla diciottesima contro Torino. “Man-drake è diventato anche il miglior “bomber” di sempre dell’Orlandina in A.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

ALTRI ARTICOLI