Orlandina come in un film: ora serve il lieto fine | Orlandina Basket
  • Pubblicato il: 17 marzo 2016

Orlandina come in un film: ora serve il lieto fine

Claudio Argiri – Giornale di Sicilia

CAPO D’ORLANDO – Per la salvezza effettiva manca poco e forse anche prima di Pasqua, dopo le comunque insidiose trasferte di Sassari domenica 20 e Brindisi sabato sera giorno 26, la Betaland potrebbe già brindare alla partecipazione alla sesta avventura in serie A anche se servirebbero due successi ed almeno un ko di Torino o viceversa. Il colpo di mercato Ryan Boatright ha fatto saltare il tappo della sfiducia ed ha contribuito ad un paio di vittorie ma anche a scuotere una squadra che dopo l’esonero di Griccioli ed i due pesanti ko esterni dell’inizio dell’ era Di Carlo era ai limiti della depressione. Ora, invece, viene tutto più facile, l’ambiente è euforico e la tifoseria in fermento per la prossima gara interna, il 3 aprile contro la capolista Milano, i cui biglietti vanno già a ruba. A completare l’opera un cortometraggio sull’Orlandina: ci sono un tifoso storico, Salvatore Scarpuzza, nei panni insoliti di un prete e i ragazzi della squadra di serie A, Vojislav Stojanovic e Ryan Boatright in testa, a palleggiare per le strade di Capo d’Orlando. Scene da film per un cortometraggio promosso da Betaland e girato in città da ieri fruibile su Youtube. «Come può una piccola realtà arrivare a sfidare dei titani? Betaland, main partner dell’Orlandina Basket, ha individuato con arguzia la chiave e l’ha rappresentata con incredibile efficacia – fa sapere la società -. È l’amore per il gioco e il divertimento a permettere che i sogni divengano realtà. Il divertimento poi, quello più genuino e autentico, proprio quello cui s’ispira il filmato realizzato da Betaland è possibile solo in pochi luoghi». Tutto parte dal titolo, «Fun first» (letteralmente «Divertimento prima di tutto») per «un inno al territorio e alla città di Capo d’Orlando, che racconta spazi e persone, straordinarie perché uniche, che riescono a competere ai più alti livelli semplicemente perché amano senza condizioni il gioco e il divertimento». Il video fino a oggi sarà proiettato anche nell’imponente stand di Betaland realizzato all’interno dell’ Enada, la fiera nazionale del gioco che si svolge a Rimini: un appuntamento in cui la società sponsor presenterà la sua nuova campagna di comunicazione incentrata sul divertimento sano e pulito. La voglia di sano divertimento è insita in tutto il tessuto sociale.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

ALTRI ARTICOLI