Decima vittoria consecutiva per gli uomini di Marco Sodini, che si impongono sulla Pallacanestro Trapani per 90-77 davanti a un PalaSikeliArchivi gremito. Termina dunque con il secondo posto una straordinaria regular season per la squadra di coach Sodini, in virtù della contemporanea vittoria di Roma a Legnano, che consegna ai biancoazzurri la testa di serie numero 1 nei playoff promozione lato Girone Ovest.

Una gara sempre comandata dalla Benfapp Capo d’Orlando, che nonostante l’importante defezione di Lucarelli e quella all’ultimo minuto di capitan Bruttini, fermatosi nel riscaldamento trovano energie e risorse dai giocatori più giovani, che danno il loro contributo in maniera eccellente. Top scorer con 23 punti e 10 rimbalziJordan Parks, 17 e 9 assist per Brandon Triche, 16 punti per Bellan. 11 per Nicola Mei, 9 Neri, 7 per Murabito. Ma passiamo alla cronaca della gara.

Quintetto atipico per coach Sodini, che con Lucarelli fuori dai giochi e Bruttini fermo precauzionalmente schiera Triche, Bellan, Neri, Parks e Mobio. Coach Parente risponde con Clarke, Miaschi, Ayers, Renzi e Pullazzi.

I primi punti della gara arrivano dalla lunetta, dalle mani di Pullazzi, Mobio riporta la parità e poi botta e risposta tra Renzi, Bellan, Ayers e Parks, con la Benfapp che va in vantaggio per la prima volta con la tripla di Triche sul 9-7. Renzi riporta avanti i suoi, ma l’alley-oop sull’asse Triche-Bellan vale il nuovo vantaggio Benfapp. Pullazzi realizza dall’arco, Murabito ne mette due, Marulli commette fallo antisportivo e Mei mette la bomba dall’angolo: la Benfapp è avanti 20-14. Mollura risponde con la tripla, ma Mei è preciso dalla lunetta ed il buzzer beater di Murabito chiude il primo quarto sul 24-17.

Il gioco da tre punti di Mei apre il secondo quarto e Murabito mette la bomba dall’angolo per il +11 Benfapp (30-19). Le triple di Czumbel e Clarke riportano vicinissimi i trapanesi, replica Parks, poi ancora Clarke e di nuovo Parks 36-28, che poi chiude anche il gioco da tre punti per il 39-28. Ayers e Renzi ci credono ancora, ma Neri e Parks portano i paladini sul +15 (47-32). Ancora un fallo antisportivo, questa volta a Mollura, Neri è preciso in lunetta, ma Renzi chiude il quarto sul 49-34.

Al rientro dagli spogliatoi i primi punti sono di Clarke, poi Bellan mette la tripla dall’angolo per il 52-36. Renzi e Clarke provano a riportare in carreggiata i trapanesi, ma risponde immediatamente Neri, cui replica ancora Miaschi per il 57-46. Parks e Triche non ci stanno e la Benfapp torna ancora sul +16 (64-48), anche se un contro-break granata guidato da Renzi, Mollura e Marulli chiude il terzo quarto sul 69-58.

I primi punti dell’ultimo quarto arrivano dalle mani di Laganà con la tripla. Ayers replica e Nwochuoha riporta Trapani sotto la doppia cifra di svantaggio (72-63). Non si fa attendere la reazione dei padroni di casa, con Triche che chiude il gioco da tre punti, la tripla di Bellan che poi vola a stoppare e il contropiede chiuso da Triche che riporta i paladini sul +17 (80-63). Nwohuocha e Miaschi tengono Trapani sul -13, ma cinque punti consecutivi di Bellan e la tripla di Mei mettono 18 lunghezze tra i paladini e gli ospiti (88-70). Nel

garbage-time, in cui coach Sodini schiera tutti i suoi giovanissimi, Nwohuocha, Clarke e Artioli chiudono la gara sul 90-77.

Le parole di coach Marco Sodini nel post gara: «Sono orgoglioso di questi ragazzi. Oggi Simone Bellan, che veniva da 4 punti di media a partita lo scorso anno ha giocato una partita mostruosa. Lo stesso discorso vale per Murabito, Neri, Laganà, Mobio, che hanno colto al volo la grande occasione di giocare a Capo d’Orlando e per Capo d’Orlando. Mi vedete sorridente, ma in realtà sono amareggiato, incazzato perché oggi hanno toccato i miei giocatori. Molti di loro a fine partita hanno pianto. Siamo la squadra che ha vinto più partite sul campo, ma nonostante tutto non possiamo festeggiare. Faccio comunque i miei più sinceri complimenti alla Virtus Roma per la promozione.

Prima della gara mi sono posto un quesito: abbiamo ragione noi a sviluppare giocatori di pallacanestro? Mi rispondo con la vittoria sul campo di oggi. Nonostante fossimo in emergenza, viste le assenze di Jacopo e Davide siamo stati in grado di fare 90 punti, di difendere alla morte per due quarti. È il campo che parla, è per questo che siamo incazzati. Ai miei ragazzi ho detto che abbiamo vinto la prima volta e che vinceremo anche la seconda.

Abbiamo preso Joe Trapani, un ragazzo che era di alto livello, ma che è fermo da due anni. Vedremo in che condizioni arriverà. Avevamo pensato a lui in estate come quattro titolare di questa squadra, quando non pensavamo ancora a Parks.

Io mi sento di dover fare i complimenti a chi qui ha perso, ma ha vinto questo campionato. Ma noi abbiamo un nuovo torneo da vincere, e faremo di tutto per vincerlo. Battere una squadra che qui non ha mai perso nel girone di ritorno non sarà facile. Questo è lo spirito che abbiamo sempre avuto e il rispetto reciproco nei confronti di giocatori e staff e di tutti coloro che ci stanno attorno, che hanno faticato tantissimo in questa stagione.»

Benfapp Capo d’Orlando – 2B Control Trapani 90-77 (24-17; 49-34; 69-58)

Benfapp Capo d’Orlando: Ravì n.e., Bruttini n.e., Laganà 3, Parks 23, Mobio 4, Murabito 7, Mei 11, Triche 17, Bellan 16, Galipò, Neri 9, Donda n.e. Coach: Marco Sodini

2B Control Trapani: Renzi 17, Artioli 2, Miaschi 7, Czumbel 5, Clarke 14, Mollura 7, Marulli 3, Nwohuocha 9, Ayers 8, Pullazzi 5. Coach: Daniele Parente.

Ufficio Stampa Benfapp Capo d’Orlando