L’Orlandina può tornare a sorridere | Orlandina Basket
  • Pubblicato il: 12 ottobre 2016

L’Orlandina può tornare a sorridere

_g1c6878Giuseppe Lazzaro – Gazzetta del Sud

CAPO D’ORLANDO – Buone notizie per Diener, Fitipaldo e Delas, cattive per Nicevic. È la situazione degli infortunati, ed illustri assenti a Venezia, a preoccupare la tifoseria biancazzurra che non fa altro che chiedere notizie sui recuperi in vista dell’importantissima gara contro Torino di lunedì sera. Come riferito dal responsabile medico, prof. Sabatino Carianni, incontrato ieri pomeriggio, gli esami strumentali ai quali è stato sottoposto Drake Diener hanno evidenziato il completo recupero dall’infortunio muscolare all’adduttore. La seconda risonanza, alla quale lunedì la guardia statunitense è stato sottoposto, ha accertato la quasi totale guarigione della distrazione dell’adduttore della coscia destra, accusata dopo 3′ della gara con Milano. Già ieri Diener ha svolto lavoro differenziato sotto il controllo del preparatore adetico Salvatore Poma che ne valuterà la condizione prima del rientro in gruppo. Ma per il prof. Carianni il rientro di Diener lunedì è quasi certo. Il playmaker uruguaiano Bruno Fitipaldo ha iniziato ieri il lavoro individuale con il preparatore ed effettuerà un nuovo esame strumentale venerdì al fine di accertarne il pieno recupero e riprendere le attività con la squadra. Il capitano della nazionale “Celeste” ha riportato lo schiacciamento del muscolo vasto intermedio della coscia sinistra. Come avvenuto per Diener, anche Fitipaldo sarà sottoposto a terapia ad alta frequenza e, dal controllo dell’ecografia svolta, non dovrebbero esserci problemi per allenarsi già venerdì sera, sabato, nella rifinitura di domenica mattina e giocare lunedì sera. Mario Delas, che a Venezia ha giocato poco meno di sette minuti, ha recuperato dalla lombalgia che lo ha costretto al mezzo servizio di impiego al “Taliercio” e, dopo il riposo imposto per precauzione sino a ieri, rientrerà in gruppo già da oggi. È problematico, invece, il recupero a breve del capitano Sandro Nicevic che accusa una infiammazione al tendine d’Achille. Il lungo italo-croato continuerà ancora con la riabilitazione e le sue condizioni verranno rivalutate più avanti dopo un nuovo controllo diagnostico ma, pare, che il suo rientro possa avvenire anche fra due-tre settimane ed il suo impiego lunedì è praticamente impossibile. Sin qui il bollettino medico mentre la squadra, ieri, ha ripreso a lavorare. Coach Gennaro Di Cario, vista la difficile situazione, prova a scuotere l’ambiente un po’ nervoso dopo lo 0-2 iniziale (seppur con le attuali capoliste Milano e Venezia) ed i quattro infortuni. «Bisogna continuare a pedalare forte – dice il tecnico campano – allenandosi duramente in palestra, ancora più convinti di quanto è buono quello che stiamo facendo quest’anno. Contro Torino bisognerà essere ancora più uniti perché in qualsiasi modo dobbiamo conquistare la prima vittoria in campionato». Tra l’altro serve rompere il filotto di sconfitte. Dopo avere battuto Milano, il 3 aprile scorso, l’Orlandina ha perso le ultime quattro gare della regular season della stagione passata e le prime due di quest’anno.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

ALTRI ARTICOLI