L’Orlandina non molla la pista lituana Veikalas | Orlandina Basket
  • Pubblicato il: 28 luglio 2016

L’Orlandina non molla la pista lituana Veikalas

Giuseppe Lazzaro – Gazzetta del Sud

_P6R8562CAPO D’ORLANDO È un obiettivo, anche se non sarà affatto facile centrarlo. L’Orlandina apre la caccia al lituano Benas Veikalas, confermato dopo le indiscrezioni degli ultimi giorni. Si tratta di una guardia-ala lituana, quindi tesserabile come europeo, di 193 centimetri e che, per fisico e misure, ricorda il connazionale Jasaitis, che sarà avversario dei paladini nel prossimo campionato con la maglia di Pesaro. Veikalas ha 33 anni ed un pedigree di buon livello. Ha svolto a Denver (alla Metro St. Roadrun) il college, tornando in patria nel 2007 per indossare la maglia del Nevezis, club sorto nel 1992 con la fine del regime comunista nell’ex Urss. Due anni, quindi il trasferimento al Prostejov, nella massima Lega della Repubblica Ceca per un altro biennio (2009/2011). Nell’estate 2011 arriva la firma nella Bundesliga con il Telekom Bonn dove, in quattro stagioni, Veikalas ha segnato complessivamente 1.620 punti in 131 partite alla media di 12.3 a gara. Lo scorso anno lo adocchiò Avellino che lo mise sotto contratto per un anno: alle spalle di Acker e dell’Mvp della regular season Nunnally, il lituano ha avuto un buon impatto chiudendo la stagione realizzando 227 punti, su 29 gare, alla media di 7.8 punti e venendo preso in considerazione spesso da coach Sacripanti anche per l’ottimo atteggiamento difensivo, contribuendo, quindi, alla fantastica stagione degli irpini, partiti in sordina ma che, proprio dopo la vittoria a Capo d’Orlando fra Natale e Capodanno, iniziarono una rimonta incredibile tale da portarli al terzo posto in stagione regolare e alle semifinali playoff venendo eliminati da Reggio Emilia. Ora Veikalas è free agent e l’Orlandina lo sta seguendo: se da un lato l’esterno è reduce da una buona stagione con tanto di referenze sul mercato, dall’altro non è certamente un giovanissimo, quindi una cifra conciliante tra le parti, per l’ingaggio, può sempre essere raggiunta. Riguardo al centro si continua a cercare il nome giusto ma, al momento, non c’è in piedi una vera trattativa.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

ALTRI ARTICOLI