L’Avversaria: Umana Reyer Venezia | Orlandina Basket
  • Pubblicato il: 7 ottobre 2015

L’Avversaria: Umana Reyer Venezia

SocialL’Umana Reyer Venezia, sconfitta all’esordio dalla Virtus Bologna dopo essere stata in vantaggio fino al 38’, è ripartita dal gruppo dello scorso anno a cui ha apportato qualche ritocco. Coach Recalcati, che non ha certo bisogno di presentazioni, ha fatto pochi ma mirati innesti. Importante è l’acquisto di Josh Owens, centro americano fortemente voluto dalla società per rinforzarsi sotto le plance che veste la maglia orogranata dopo aver fatto una buona stagione a Trento viaggiando a una media 13.3 punti e 6.4 rimbalzi. Nuovo dunque l’asse play-pivot, mentre la cabina di regia affidata è stata affidata all’esperto Mike Green, già ammirato a Cantù e soprattutto a Varese. Suo alter-ego è il giovane Michele Ruzzier. Confermato Phil Goss, lo scorso anno 14.1 punti di media, ci sarà anche Jarrius Jackson, forse meno continuo ma se in giornata non meno pericoloso. Nel settore guardie è stato inserito il 21 enne di ritorno dalla Lega Gold Stefano Tonut, la scorsa stagione miglior realizzatore italiano con 19,2 punti di media a Trieste. Anche per questa annata Venezia si affiderà all’esperienza di Tomas Ress, lungo con le mani da guardia, e la certezza Jeff Viggìano, che nello scorso campionato ha totalizzato 10 punti di media, 3 rimbalzi e 2 assist in 22,7 minuti in stagione regolare e 9,2 punti, 3,3 rimbalzi, 1,3 assist in 22,8 minuti nei playoff. Altra novità nel pacchetto degli esterni è Michael Bramos, ala proveniente dal Panathinaikos (dove ha chiuso con 6.4 punti, 1.2 assist e 2.3 rimbalzi di media), ma uno dei colpi più importanti è sicuramente aver confermato Hrvoje Peric, ala croata risultata milgior marcatore assieme a Goss nella scorsa stagione, molto dinamica e in grado di colpire indifferentemente dall’area colorata o partendo dalla distanza. Chiude il roster, ma non certo per minor importanza, Benjamin “Ben” Ortner, ormai di casa in laguna, che dovrebbe essere il cambio di Josh Owens, mentre la panchina è chiusa dal giovane prospetto Michele Antelli, playmaker classe 1998.

STARTING FIVE: Green, Goss, Bramos, Peric, Owens

PANCHINA: Ruzzier, Jackson, Tonut, Viggiano, Ress, Ortner, Antelli.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

ALTRI ARTICOLI