Il coraggio di Caserta e Orlandina | Orlandina Basket
  • Pubblicato il: 7 novembre 2016

Il coraggio di Caserta e Orlandina

dsc_8779“Il punto” di Piero Guerrini – Tutto Sport

Il sesto turno di Serie A va in archivio con due rivelazioni inattese ai piani alti. Ma non parlate di sorprese, ci sono motivi. L’Orlandina ha il budget più basso di tutte eppure viaggia di pari passo con Venezia. Certo, è solo l’inizio, ma la squadra costruita in economia ha un senso. E Sindoni junior si conferma uomo mercato con occhio attento e originale. La pesca di Fitipaldo è per palati fini. Stojanovic e Delas portano sostanza. E’ sempre così con i giocatori europei, se appena sanno giocare. Conoscono il mondo in cui sono finiti e questo basket che è sempre per duri e astuti. Andare a giocare in Sicilia poi non è facile. Sarà il viaggio, il palasport, il calore del pubblico, il mare… Più probabilmente è la squadra.
Alzi la mano poi chi avrebbe previsto Caserta addirittura quarta. Caserta che non può fare mercato in entrata a causa dei lodi aperti da giocatoti del passato. Caserta di cui a cadenza regolare circolano voci su difficoltà finanziarie, spesso smentite, Caserta che aveva cambiato proprietà, ma Iavazzi deluso ora pensa a un consorzio. Caserta allenata da Dell’Agnello, da giocatore era Sandrokan, da coach è uno che fa rendere al meglio e oltre chi gli viene fornito. Che dunque ha un’idea. Sì, forse nel basket italiano c’è più bisogno di uomini che abbiano respirato lana della palestra, e il basket si può fare in stile Armani, ma anche con meno. Ammesso si sia in regola.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

ALTRI ARTICOLI