Di Carlo: «Orlandina, ora serve battere Torino» | Orlandina Basket
  • Pubblicato il: 11 ottobre 2016

Di Carlo: «Orlandina, ora serve battere Torino»

Claudio Argiri – Giornale di Sicilia

CAPO D’ORLANDO – A voler vedere il famoso bicchiere sempre mezzo pieno la missione impossibile di Mestre contro Venezia restituisce a Di Carlo, coach della coraggiosa Betaland, ancora più convinzione sulla bontà e sulla profondità del roster a disposizione, ricco di incognite ma anche di talento che solo la dea bendata finora ha penalizzato. Infatti se al debutto casalingo contro la corazzata campione d’Italia di Milano la compagine orlandina era riuscita a comandare per 35′ pur rinunciando all’infortunato del cecchino Diener, arrendendosi di fatto alle scarpette rosse dopo il canestro del 61-60 firmato Laquintana, nella tana di un’altra big come Venezia i paladini si sono consegnati all’avversario dopo aver messo la testa avanti ad inizio ripresa sul 41-40 con il canestro del redivivo Perl, mollando fisiologicamente dopo una grande resistenza, pur avendo fuori per acciacchi vari oltre a Mandrake, il playmaker titolare Fitipaldo, il pivot di ruolo Delas e come ciliegina anche quello di riserva Nicevic. «Proprio per questo faccio i complimenti ai miei ragazzi per come hanno cercato di dare il massimo in una situazione di estrema difficoltà – commenta amaro ma soddisfatto Di Carlo – Venivamo da una settimana complicata in cui non ci siamo potuti allenare bene senza Fitipaldo, Delas, Diener e Nicevic. Mi piace sottolineare la prova di Archie, che ha fatto una partita di grande cuore, e Zoltan Perl, che ci ha dato veramente tanto. Ci portiamo di positivo tante piccole cose che ci saranno utili lungo tutto il campionato a cominciare dalla prossima gara. Bisogna continuare a pedalare forte, allenandosi duramente in palestra, ancora più convinti di quanto è buono quello che stiamo facendo. Contro Torino bisognerà essere ancora più uniti perché in qualsiasi modo dobbiamo conquistare la prima vittoria in campionato». Da oggi pomeriggio testa e gambe al posticipo di lunedi 17 (diretta su Sky Sport 2), con un Perl rigenerato e l’esigenza di avere sia pure non al top anche gli altri 4. Onore, però, in particolare al talento locale Giorgio Galipò, 15′ sul parquet con personalità come regista di riserva a 17 anni non ancora compiuti (li festeggerà il 30 novembre), nel suo vero debutto in A dopo una piccola passerella casalinga nella scorsa stagione. Contro Torino un posto nei 12 è nuovamente garantito anche se Galipò si divide con la Nuova Agatirno, società satellite dell’Orlandina che milita in C Silver e che appena 24 ore prima di Venezia lo aveva visto in campo al PalaValenti nella prima storica stracittadina persa contro la favorita Costa d’Orlando.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

ALTRI ARTICOLI