Capo d’Orlando si avvia all’ennesimo crocevia di una stagione magica | Orlandina Basket
  • Pubblicato il: 29 marzo 2017

Capo d’Orlando si avvia all’ennesimo crocevia di una stagione magica

Giuseppe Lazzaro – Gazzetta del Sud

CAPO D’ORLANDO – L’unico innesto? Reggio Emilia! La società dell’orlandirta attende ancora prima di firmare il giocatore che manca dopo la cessione di Perl perché la priorità è la super sfida di domenica al “PalaFantozzi” contro Reggio Emilia. Un match che vale il doppio nella corsa ai playoff e amplificato dal ritorno, sul proscenio del campionato, della Grissin Bon che, con otto uomini in doppia cifra ed il cinquanta per cento da tre, nel posticipo di lunedì ha demolito una Germani Brescia comunque priva di Michele Vitali, Moss e Moore. Tanti i motivi intorno al duello che sta calamitando l’attenzione in questi giorni: i 28 punti dell’Orlandina contro i 26 di Reggio Emilia, la necessità della Betaland di vincere considerata la doppia trasferta successiva (Pistoia e Sassari) per nutrire l’ambizione di centrare un posto di rilievo nella griglia dei playoff ed anche la consapevolezza che, raggiunti i 30 punti, la post season sarebbe quasi certamente nel cassetto. Dall’altra parte lo stesso coach Menetti, al termine del vittorioso posticipo, ha detto che la sua squadra deve ancora lavorare per raggiungere i playoff e che, quindi, la tappa di Capo d’Orlando è uno snodo cruciale anche perché, vincendo, gli emiliani agguanterebbero l’Orlandina a 28 punti ma si porterebbero avanti con il 2-0 a favore negli scontri diretti. Ecco perché, per quanto sta succedendo, la gara di domenica diventa, per Capo d’Orlando, quella più importante della stagione regolare. Ieri sono ripresi gli allenamenti, la società continua a monitorare il mercato anche perché il pezzo, e pregiato, sicuramente sarà inserito a lungo andare, visto anche che firmare un big per gli ultimi due mesi di stagione non comporta poi un eccessivo dispendio economico. Per fare il punto della situazione, e agire di conseguenza, si attende il rientro dall’estero, dove si trova per motivi di lavoro, del presidente Enzo Sindoni, che tornerà sabato e, dopo la gara con Reggio Emilia, certamente si passerà alla fase decisiva. A lungo andare, invece, ci sarà un appuntamento eccezionale venerdì 21 aprile mattina quando, al “PalaFantozzi”, si giocherà una partita di grande valore, sportivo ed educativo, tra la nazionale italiana di basket in carrozzina ed una selezione di giocatori delle tre società siciliane che partecipano all’apposito campionato: i ragazzi di Panormus Palermo, Cus Cus Catania e Olympic Trapani. Anche i giocatori della Betaland parteciperanno all’evento, non solo da spettatori, ma anche con la una esibizione di tiri a canestro con la nazionale italiana. Parteciperanno le scuole con un libero contributo il cui intero il ricavato sarà devoluto principalmente per l’allestimento di una spiaggia attrezzata per disabili sul litorale di Capo d’Orlando e, in parte, per l’acquisto di costosi ausili speciali per tutti soggetti, affetti da disabilità motoria, che hanno esplicitato questa loro necessità.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

ALTRI ARTICOLI