Capo d’Orlando, il cerchio è quasi chiuso | Orlandina Basket
  • Pubblicato il: 19 agosto 2015

Capo d’Orlando, il cerchio è quasi chiuso

GRICCIOLI1354 (Copy)Giuseppe Lazzaro – Gazzetta del Sud

CAPO D’ORLANDO – Sono ore di frenetica attesa in casa Orlandina per l’ufficializzazione dell’arrivo di Stojanovic, che completerebbe lo “starting five” a disposizione di coach Griccioli. La conferma che l’operazione, a meno di incredibili novità, è chiusa è il fatto che la società non si sta guardando intorno alla ricerca di una guardia, l’unico tassello che manca nello “starting five” composto da Ilievski, Jasaitis, Bowers e Oriakhi. Intanto, per completare la panchina, arriva una novità. Infatti il direttore sportivo Giuseppe Sindoni rende noto che i due italiani arriveranno dalle giovanili e non verrà firmato alcun lungo italiano giovane “esterno”. «Aggregheremo un giovane per la fase di preparazione – specifica Sindoni jr -, visto che Nicevic arriverà qualche giorno dopo (rispetto all’inizio della preparazione, lunedì 24) e Ilievski sarà impegnato agli Europei di settembre con la Macedonia». Solo giovani quindi, accanto a Basile e Nicevic, dalla panchina per Griccioli con la possibilità di poter utilizzare uno di loro, Vujicevic, come quarto lungo e con l’italo-croato che, chiaramente, sarà il cambio di Oriakhi. Giova ricordare che l’Orlandina, al momento, ha conservato l’utilizzo di un visto per un americano o comunque un extracomunitario, che potrebbe tornare utile nel corso della stagione se mancherà qualcosa. Dopo il play Marco Strati, da ieri sera aggregatosi alla Globo Isernia (Serie B) in prestito annuale, con la stessa formula l’Orlandina ha ceduto Corrado Bianconi, ala grande di 194 centimetri, al Basket Barcellona. È stata così ufficializzata una operazione in piedi da alcune settimane e che conferma la bontà dei rapporti tra i presidenti Enzo Sindoni e Immacolato Bonina, che non hanno mai nascosto l’amicizia neanche davanti ai sei, infuocati, derby della stagione 2013/14 in Dna Gold. «A Corrado – scrive l’Orlandina B ìasket in un comunicato – va un grosso in bocca al lupo e l’affettuoso saluto della società per l’impegno nella prossima stagione in un campionato di alto livello e competitivo come la seconda serie nazionale». E ne avrà ben donde il lungo di Domodossola visto che, a Barcellona, è atteso al riscatto per tornare, nella prossima stagione, all’Orlandina e rispettare il triennale firmato un anno fa. L’uscita di Bianconi e Strati segue quelle di Henry, McGee (Cremona), Campbell, Sulejmanovic (fine prestito al Barcelona Fc), Soragna (Piacenza), Hunt (Caserta), Pecile (Trieste), restando al gruppo che ha giocato l’ultima fetta dello scorso torneo dopo che andarono via, nel girone di ritorno, Freeman (oggi alla Viola Reggio Calabria), Burgess e Archie (poi laureatosi campione del Belgio a Ostenda dove è rimasto). Sino a questo momento sono entrati Ilievski, Jasaitis, Bowers, Oriakhi, Laquintana (fine prestito da Biella), Perl ed altri giovani (Babilodze, Vujicevic, Ihring). Resteranno Basile e Nicevic, entra nel gruppo il ragazzo di casa Munastra.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

ALTRI ARTICOLI