Betaland, il cuore non basta | Orlandina Basket
  • Pubblicato il: 9 novembre 2015

Betaland, il cuore non basta

Umberto De Maria – Giornale di Sicilia

CASERTA – La Betaland Capo d’Orlando non riesce a sbancare il Palamaggiò di Caserta, uscendo sconfitta dopo un match giocato in grande equilibrio e con un terzo quarto da manuale. Per coach Griccioli, l’assenza per infortunio del play titolare llievski si è sentita in parte, perché Bowers e compagni hanno lottato a denti stretti per cercare di portare in Sicilia i due punti in palio. La Pasta Reggia Caserta ieri sera invece, è stata cinica nel momento in cui i siciliani sembravano avere in pugno il match; grande difesa e azioni offensive concluse con tiri puliti, hanno costruito il break per la vittoria. Il match si avvia con la Betaland grintosa e attenta in difesa. Ma è in attacco che Capo d’Orlando sfoggia la sua bravura, con il primo canestro di Oriakhi e dopo uno realizzato da Downs, su assist di Siva per i bianconeri di casa, sale in cattedra Perl con un missile da tre punti che rimette la Betaland in avanti. Dunque, la formazione siciliana ha fatto capire di lottare anche a formazione rimaneggiata. Caserta soffre in fase offensiva, sbaglia e a rimbalzo i lunghi ospiti riescono a dominare le plance. A questo punto l’ex di turno Hunt segna da sotto misura e subisce fallo. Segna anche il tiro libero, portando in parità il punteggio (8 a 8). Ma Capo d’Orlando risponde subito con un parziale di 0 a 6 grazie ai canestri di Jasaitis, Bowers e Nicevic, chiudendo il primo quarto in van- taggio per 11 a 13. Nel secondo quarto Caserta esce più concentrata dal lungo timeout; Gaddefors trova quattro punti di fila in due azioni riportando Caserta avanti; ma è Bowers per i siciliani ad infilare una bomba provvidenziale per tornare a ruota dei casertani. Grande equilibrio fino al 18′, poi su alcuni errori ospiti la Pasta Reggia grazie a un paio di contropiedi di Siva e Cinciarini, costruisce un mini break utile per andare al riposo lungo sul 32 a 27 a favore. Sembra che la giusta via per i casertani sia ad un passo; invece al rientro dagli spogliatoi Capo d’Orlando è totalmente trasformata. E in particolare dalla lunga distanza, con una precisione al tiro da portare punti e ottimismo a coach Griccioli per il prosieguo del match. Caserta sbanda, non trova più la via del canestro; per la Betaland invece è festa con i canestri di Laquintana, Perl e anche l’esperto Basile che portano al 30′ il team siculo in vantaggio sul 50 a 57. Nell’ultimo quarto però, la Pasta Reggia Caserta caccia le unghie; c’è anche un fallo antisportivo fischiato a Cinciarini che manda in lunetta ancora i colori biancazzurri. Ma sono gli ultimi, perché uno scatenato Siva riorganizza i suoi compagni, alza assist per le schiacciate di Jones e Downs, manda in contropiede Cinciarini e Giuri. La Betaland accusa il colpo, non trova più la forza di reagire e così la Pasta Reggia Caserta vince il match e rompe il «ghiaccio» in casa, con la conquista dei due punti in palio davanti al proprio pubblico.

PASTA REGGIA CASERTA 78 – BETALAND CAPO D’ORLANDO 66

PASTA REGGIA CASERTA: DOWNS 16, SIVA 11, HUNT 11, CINCIARINI 17, AMOROSO 4, JONES 3, GADDEFORS 6,GIURI 10. N.E. GHIACCI E INGROSSO. ALLENATORE: DELL’AGNELLO.

BETALAND CAPO D’ORLANDO: IHRING, BASILE 6, LAQUINTANA 9, PERL 10, NICEVIC 14, JASAITIS 9, BOWERS 11, METREVELI, ORIAKHI 7. N.E. MUNASTRA. ALLENATORE: GRICCIOLI.

ARBITRI: TAURINO, BARTOLI, DI FRANCESCO

NOTE:PARZIALI: 11-13, 32-27, 50-57.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

ALTRI ARTICOLI