Betaland, corsa a due per il ruolo di pivot | Orlandina Basket
  • Pubblicato il: 15 luglio 2016

Betaland, corsa a due per il ruolo di pivot

Claudio Argiri – Giornale di Sicilia

_PXL0579CAPO D’ORLANDO Dovrebbe essere statunitense il pivot che andrà a completare il potenziale starting five della Betaland 2016-2017. Infatti il giovane ds Giuseppe Sindoni, accantonata la riconferma di Alex Oriakhi che ha tergiversato troppo allungando oltre misura i tempi di risposta all’offerta di rinnovo del club Orlandino e perso Lee Cain, finito in Francia, ha per il momento indirizzato le sue mire su due conoscenze Usa del basket italiano. Si tratta di Kenny Lawson jr e Jared Berggren. Lawson ha esordito nel nostro campionato, sia pure di A2, nelle file del Recanati dopo la stagione all’Ironi Nahariya in Liga A Israele. 206 cm per 113 Kg, nato a Oceanside (California) il 18 settembre 1988, Lawson alla Creighton University “Bluejays” a Omaha (Nebraska) uno dei college più rappresentativi della pallacanestro americana avendo sfornato giocatori ex NBA, ha giocato complessivamente 143 partite con una media di 19,6 minuti, passando dalle 2 gare nella prima stagione ad oltre 30 nelle successive con 13,1 p. di media, 6,8 rimbalzi, top 20 nella storia del college, top 10 nei rimbalzi, top 5 nelle stoppate e numero 1 globale in partite giocate, con career high di 30 punti e 18 rimbalzi. Da senior ha giocato in Cina allo Jiangsu, all’Eshet Tours Bnei Hasharon Herzelia, nella Serie “A” in Israele, al Seoul Samsung Thunders, in Corea, negli States in D- League nella formazione dello Iowa Energy, al Ramat Flasharon sempre nel campionato israeliano, in Spagna al Ribeira Sacra Cb Breogan Lugo in Leb-Gold, prima di tornare nella 1A lega israeliana all’Ironi Nahariya. Agile, nonostante la sua grossa stazza, Kenny Lawson Jr. è un lungo moderno che ama uscire fuori dal pitturato per colpire da tre e per creare spazio alle incursioni degli esterni, oltre a giocare spalle a canestro e catturare rimbalzi sotto le plance. A Recanati in quasi 35′ di utilizzo nelle 30 partite ha segnato di media 20,4 con il 58,3% da due ed il 36,4 da tre, smazzando 10,6 ad allacciata di scarpe. Berggren, lungo bianco di 208 cm per 107 kg di peso forma, 26enne di Coon Rapids, ha frequentato il college a Wisconsin sotto la guida tecnica del “mitico” Bo Ryan, facendo registrare nel suo anno da senior 11,1 punti e 6,9 rimbalzi per gara. Finita la sua esperienza universitaria nell’estate del 2013 il centro si è trasferito in Belgio, ad Ostenda, dove ha giocato nelle ultime due stagioni partecipando sia al campionato belga sia all’Eurocup e vincendo, in coppia con l’altro Orlandino Archie, campionato, Coppa del Belgio e Supercoppa, prima di trasferirsi nella nostra serie A iniziando l’annata con Cantù e finendola a Trento.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

ALTRI ARTICOLI