L’Orlandina a Catania: lavoro, entusiasmo e… Justin Edwards! | Orlandina Basket
  • Pubblicato il: 26 agosto 2017

L’Orlandina a Catania: lavoro, entusiasmo e… Justin Edwards!

Una giornata lunga, impegnativa ma altrettanto importante per l’Orlandina Basket a Catania: eventi, lavoro ma anche tanto entusiasmo e un nuovo preziosissimo arrivo, quello di Justin Edwards, atterrato alle 19 e quindi subito con i nuovi compagni.

Stante l’impossibilità di svolgere l’amichevole programmata con gli statunitensi di UMass Lowell, la squadra ha presenziato all’evento “Basket for Children” a Sant’Agata Li Battiati (CT), dove ha trovato ad accoglierla molti bambini, appassionati e tifosi che hanno mostrato quando il sostegno attorno alla nostra squadra sia importante in tutta la regione.

La giornata è proseguita al PalaCus, dove al posto dell’amichevole è stato svolto un allenamento a porte aperte. Nel corso della seduta è arrivato il canadese Edwards, che si è subito presentato allo staff tecnico e al gruppo paladino.

Coach Gennaro Di Carlo ha commentato così la giornata: “Oggi avremmo dovuto giocare una gara che sarebbe servita a comprendere meglio la chimica di squadra e dare un po’ di fiato visti i primi giorni di allenamento. L’abbiamo sostituita con due sedute di allenamento e la squadra continua a lavorare con serietà e concentrazione. Vedo delle belle facce, i ragazzi cominciano a capire le indicazioni tecnico-tattiche che stiamo trasmettendo, le sensazioni sono positive”.

Oltre il campo, come detto, significativa la presenza di pubblico al playground di Largo Perlasca a Sant’Agata Li Battiati e poi al PalaCus per assistere all’allenamento.

Dice Di Carlo: “Questo è importante non solo per il club ma anche per noi, per la squadra, che come quella dello scorso anno è fatta di ragazzi di grande sensibilità, per questo ci fa piacere aver sentito l’entusiasmo di tanti bimbi e non solo. Questi eventi servono a far sì che tanta gente si avvicini al basket e all’Orlandina Basket, ed è importante sia per sostenerci nell’immediato ma soprattutto per sviluppare una realtà che rappresenta un’eccellenza del territorio”.

ALTRI ARTICOLI